Auto a Metano, la Camera approva la proposta di legge sugli incentivi



L’auto con alimentazione a metano in Italia sta faticando a trovare spazio ed anzi, rispetto agli anni passati, i dati mostrano un calo del numero di vetture circolanti a metano rispetto al totale di auto. Stando ai numeri rilasciati ad inizio mese dall’Osservatorio Metanauto le auto con alimentazione a metano ad inizio 2009 rappresentavano quasi il 5% del totale circolante in Italia, oggi questa percentuale non arriva nemmeno al 2%.
Oggi la Camera ha approvato la proposta di legge, firmata da Stefano Saglia, sottosegretario al Ministero dello Sviluppo Economico con delega all’energia, relativa proprio all’avvio di una politica di incentivazione volta a favorire lo sviluppo dell’auto a metano ed al contempo semplificare il ricorso al GPL. Questa proposta di legge prevede l’aumento degli impianti a metano e biometano oltre ad una serie di normative tecniche volte a ottimizzare il processo di distribuzione di questo combustibile sul territorio italiano. Il metano, da oggi, potrà rappresentare una valida opportunità in più per gli automobilisti che potrebbero essere attratti dai nuovi incentivi.
Ecco le parole del sottosegretario Saglia rilasciate all’ANSA in merito all’approvazione della legge ed all’utilità del metano “Incentivare l’utilizzo del metano al posto dei carburanti tradizionali vuol dire contribuire alla lotta alle emissioni inquinanti e conseguire risparmi sui consumi energetici. Inoltre il metano e’ più economico e riduce il rischio di mancato approvvigionamento dei distributori. Con questa legge verra’ incentivata la costruzione di impianti nelle grandi aree metropolitane e autostradali e in alcune regioni. La rete di distribuzione del metano ha il vantaggio di essere allacciata direttamente alla rete nazionale, regionale e locale dei metanodotti”