Auto che si guidano da sole: le robot-cars invadono il mondo



In tempi di tagli alla ricerca e stretta della pressione fiscale nel nostro Paese, fa il giro del mondo una notizia per la quale un gruppo di ricercatori precari di Parma abbia realizzato una automobile che si guida da sola, capace di partire da Parma e raggiungere Shangai senza nessun intoppo. Dal gruppo di lavoro è diventato protagonista un progetto, Vis Lab, che per molti, nel settore delle automobili robotizzate, o “driverless cars”, se la gioca già con i colossi di Google e di altri grandi marchi del settore automobilistico. E non a caso, la Google robo-car è stata protagonista di un incidente sulle strade, la causa è da accollare ad un uomo che la stava guidando al termine dei test su strada.
I progetti per la realizzazione di automobili che si guidano da sole, le cui stime, al momento, con queste tecnologie, parlano di oltre 1.000.000 di vite umane salvate ogni anno dalle strade, continuano in ogni parte del mondo: lo stesso gruppo di ricerca di Parma ha annunciato che a dicembre si faranno nuove prove su strada, stavolta rivolte alla gestione delle condizioni avverse di strada e meteo; in Cina, il dipartimento della National University of Defense Technology, ha realizzato una automobile che si è guidata da sola per 175 miglia ad una velocità media di 88.5 km/h!
Provate ad indovinare quali sono i problemi che incontrano queste auto che si guidano da sole nelle strade delle nostre città. Queste automobili rispettano alla lettera segnali stradali, semafori e strisce su strada per attraversamento pedoni, precedenze e stop. Non fanno così le automobili guidate dagli automobilisti umani, che si ritrovano a dover imprecare contro queste auto-robot, andando a loro volta a danneggiare il loro programma di guida su strada. Insomma, paradossi su paradossi, gli umani sono pericolosi alla guida, e lo sono per le auto robot.