BMW M550d-xDrive, i dettagli



Da tempo circolava la voce riguardante l’introduzione di alcune varianti diesel per le proposte del reparto Motorsport della celebre casa automobilistica tedesca caratterizzata dal logo delle tre lettere consonanti  maiuscole, ma a dire il vero tutti pensavano che il brand germanico, con una simile operazione, temesse di perdere la propria anima e per questo motivo si limitava a procrastinare la faccenda, ma le cose sembrano aver preso ora un’altra piega decisamente interessante…

Infatti sembra proprio che a breve la casa automobilistica con sede in Monaco di Baviera si sia decisa a oltrepassare ogni limite possibile ed inimmaginabile aggiungendo quindi questo turbo extra tanto sospirato e desiderato dai suoi fedeli finora.

Il funzionamento di questo triturbo, usato per la prima volta sulla SLK di prima generazione, sembra essere davvero semplice: la prima turbina, a geometria variabile, entra in azione a partire da 1.000 giri mentre a 1.500 subentra la seconda turbina, di dimensioni maggiori, in grado di concretizzare al meglio sull’asfalto i suoi 740 Nm tra 2.000 e 3.000 giri, ma non è finita qui perché c’è appunto  la terza di cui dicevamo. Quest’ultima turbina fornisce il suo potente apporto per raggiungere e sfruttare al meglio tutti i 381 cavalli, per una tale potenza e coppia rispettose dell’ambiente visto che la M550d xDrive entra a far parte delle norme Euro 6.

Per i più timorosi ricordiamo che qui la tenuta di strada della vettura è garantita dalla trazione integrale xDrive, sistema che però potrebbe limitare il piacere di guida sportiva per i puristi abituati al piacere estremo della guida sul marchio M.

Se volete essere aggiornati per tempo su tutte le più interessanti proposte BMW, continuate a seguirci, sempre qui, su Automobili 10.