Che dolce vita per la Fiat 500



Sembra tutta in discesa la strada per la Fiat 500. Dopo essere sbarcata negli Stati Uniti (il primo acquirente è un cittadino della Pennsylvania), e in Canada, la 500 è stata ammirata anche dal Capo di Stato Giorgio Napolitano in visita al Museo dell’Auto di Torino che l’ha definita “bellissima”.
La Fiat 500 arriva oltreoceano grazie alla sua partnership con Chrysler che permetterà una vendita più capillare sul territorio visto che le vetture del Lingotto sfrutteranno i concessionari Chrysler.
In Canada, per presentare la Fiat 500, si è organizzata una grande sfilata dove ben 200 esemplari si sono avvicendati sulla TransCanada Highway, in Quebec.
La Fiat 500 si presenta al popolo nordamericano con tratti decisamente europei, per non dire italiani, caratteristica che è proprio il suo punto di forza visto che il made in Italy è molto apprezzato all’estero.
Altro punto a favore della Fiat 500 sono i consumi: 4,3 l/100 km e piccola cilindrata. Basterà per conquistare il mercato americano?