Contratto nazionale lavoro settore auto: l’idea di Marchionne





L’amministratore delegato della Fiat, Sergio Marchionne, vorrebbe uscire dalla situazione creatasi nello stabilimento Mirafiori investendo un miliardo di euro.

Questi soldi da investire dovrebbero servire a creare un contratto di lavoro specifico per il settore auto.

Questo significa che il contratto dei dipendenti Fiat sarebbe diverso rispetto a quello nazionale dei metalmeccanici.

Anche Unionmeccanica Torino intende dare una mano per questa questione e arrivare alla fine ad un tavolo delle trattative.

L’idea è arrivare in breve tempo a un contratto che coinvolga tutta la filiera del mondo automobilistico e che porti a dare strumenti di crescita alle aziende che lavorano nel settore.

Per poter arrivare ad una conclusione nel più breve tempo possibile bisognerà analizzare il contratto dei metalmeccanici che già prevede gli strumenti per poter arrivare agli accordi.