Maserati, già vendute 22.500 unità nel 2013

20130624_maserati-ghibli-2

In questo 2013, Maserati ha dato il via ad una nuova strategia di sviluppo che si pone come obiettivo il raggiungimento, nel corso dei prossimi anni, della ragguardevole quota di 50 mila unità vendute all’anno. Per arrivare a questo traguardo, l’azienda ha prima presentato la nuova Maserati Quattroporte, vero e proprio simbolo del brand, per poi introdurre sul mercato la più piccola Maserati Ghibli, berlina di segmento E che, per la prima volta nella storia del brand italiano, può contare in listino su di una motorizzazione diesel, elemento essenziale per ampliare il volume di vendite, soprattutto in Europa.

Stando agli ultimi dati diffusi da Harald Wester, CEO di Maserati, a fine settembre il brand ha già superato quota 22.500 ordini in tutto il mondo e, con tre mesi ancora in calendario, è lecito aspettarsi un notevole passo in avanti con un ulteriore avvicinamento alla già citata quota delle 50 mila unità da raggiungere nei prossimi anni.

I 22.500 ordini messi insieme da Maserati, stando a quanto dichiarato da Wester, sono cosi suddivisi: i 7.900 ordini per la Ghibli, 9.900 per la nuova generazione della Quattroporte e 5.000 per la GranTurismo e la Gran Cabrio. I numeri forniti sono indicativi e rappresentano ancora un dato parziale.

Secondo le stime dell’azienda, a fine 2013 i ricavi dovrebbero almeno raddoppiarsi rispetto al 2012, quando si raggiunse quota 634 milioni di euro,. Entro il 2014 il dato dello scorso anno dovrebbe, quindi, triplicarsi per poi quadruplicare nel 2015.

Per raggiungere questi importanti obiettivi finanziari, Maserati completerà la sua gamma con l’attesissimo nuovo Suv Maserati Levante che debutterà sul mercato internazionale proprio nel 2015.