Mercato auto usate 2011: più occasioni per le low cost

mercato auto usate

E’ di questi giorni la notizia per la quale il volume di vendite di auto usate in Italia ha fatto registrare un aumento nel corso del mese di maggio 2011: +7.5% rispetto a maggio 2010, per un ammontare di circa 2.022.000 auto usate acquistate nei primi 5 mesi dell’anno in corso. Un dato positivo che si affianca ai numeri non troppo esaltanti del mercato delle auto nuove, che hanno fatto registrare, invece, una diminuzione delle vendite. Se a questo aggiungiamo che, stando ad una inchiesta effettuata online sulle variazioni dei costi delle automobili usate, queste ultime hanno visto una riduzione dei prezzi che oscilla tra –1% e –5.7%, possiamo immaginare in che maniera il trend di crescita del settore auto usate possa mantenersi tale anche nella seconda parte del 2011.

I potenziali acquirenti cercano online le automobili usate d’occasione e oggi, grazie all’ottimo servizio offerto dai più importanti siti Internet del settore, possiamo dire che acquistare un’auto online è una operazione comoda e vantaggiosa. Dando un’occhiata ai marchi più venduti, in testa alla classifica c’è la Fiat, seguita da Bmw, Mercedes, Audi e Volkswagen; questo si rispecchia anche nel numero di annunci di auto in vendita online, facilmente riscontrabile utilizzando AutoXY.it, motore di ricerca di annunci di auto usate e nuove, che solo per Fiat conta oltre 134mila annunci.

Le automobili usate più di nicchia hanno invece fatto registrare un aumento dei costi nel corso del 2011, con picchi di +21%, alcuni marchi in proposito sono Lotus, Chevrolet e Abarth. Automobili fuori dal rango delle “classi medie” che prevalgono invece nel mercato auto usate in rete. Curiosità: la Regione italiana dove vengono effettuati più acquisti di auto usate è la Lombardia, mentre la città con un più alto rapporto cittadini / annunci auto usate è Frosinone. Internet, naturalmente, fa testo anche per queste analisi: la maggior parte dei siti di compravendita auto usate online opera sul territorio o permette agli utenti di effettuare ricerche mirate per i propri acquisti “geolocalizzati”.