Mondiale Formula 1, una rivoluzione annunciata?

formula 1 2013

Il mondo dello sport a motori sta entrando in una rivoluzione che cercherà di renderlo al passo con i gusti del grande pubblico e più in linea con le possibilità che offrono. la comunicazione e lo spettacolo di ultima generazione.

In MotoGP, ad esempio, ci sarà un potenziamento delle motorizzazioni disponibili che passeranno a 1000cc (correggetemi se sbaglio). E in Formula 1, nelle ultime settimane, abbiamo avuto modo di sentire una serie di interventi da parte di pezzi grossi come Murdoch e Ecclestone, interventi i quali, senza star qui a ripercorrerli nei dettagli, ci hanno annunciato un processo di spettacolarizzazione e re-industrializzazione del Mondiale di Formula 1.

A questo progetto ha prestato attenzione anche il presidente della Ferrari Luca Cordero di Montezemolo il quale ha qualche buona idea che si potrebbe attuare già a partire dal 2013, esattamente un anno di distanza dalla scadenza dell’accordo Circus F1 – CVC, società che gestisce il Mondiale e detiene i diritti commerciali da esso derivante.

Per Montezemolo non sarebbe cattiva idea che ciascuna scuderia si organizzasse una propria lega su modello Nba: “Dobbiamo essere molto pragmatici. Alla fine del 2012 scadranno tutti i contratti di ogni singolo team con Cvc. Quindi abbiamo tre possibilità: rinnoviamo l’accordo, creiamo una nostra società tipo Nba o troviamo un partner diverso”. La soluzione simil-Nba darebbe il via ad un rinvigorimento degli sponsor per la Formula 1 e senza dubbio avvicinerebbe molto di più i nuovi media, anche se gli interessi delle Corporate difficilmente si rimetteranno in gioco per questa che chiamiamo ormai “rivoluzione annunciata”.