SAAB, in settimana la decisione definitiva sul futuro dell’azienda



Oramai siamo prossimi al giorno della verità. Il 16 dicembre, dopo un’attesa lunghissima che ha visto alternarsi momenti di fiducia per il futuro ad altri in cui la parola fine sembrava essere soltanto una formalità, si saprà con certezza qualcosa in merito al futuro della SAAB. La corte svedese sarà chiamata a decidere se interrompere o lasciar proseguire il complicatissimo processo di riorganizzazione dell’azienda costruttrice di automobili che, allo stato attuale delle cose, rappresenta l’unica garanzia verso i creditori.
Nei prossimi giorni l’azienda svedese dovrà presenterà alla corte svedese dei validi motivi per cui il processo che culminerebbe con la bancarotta non dovrebbe essere avviato. L’amministratore delegato Guy Lofalk incaricato di trovare una soluzione per poter tirare fuori dai problemi l’azienda sembra aver oramai rinunciato a tutte le possibilità di salvare il marchio. La situazione è complicata e la trattativa con i nuovi possibili investitori cinesi potrebbe rappresentare l’ancora di salvezza finale, una delle poche speranze a cui appellarsi per poter far ripartire la macchina di produzione. Purtroppo i fondi cinesi sembrano presentare diversi problemi ed il loro arrivo, che fino a pochi mesi fa sembrava imminente, sembra oggi molto lontano.
Il futuro di SAAB si deciderà pertanto soltanto nel corso della prossima settimana. Ad oggi le possibilità di vedere un pieno e rapido ritorno alle attività dell’azienda svedese sembrano piuttosto remote, tuttavia nel corso della settimana potrebbero emergere ulteriori novità che potrebbero spingere la corte svedese a non dare il via al processo che porterebbe l’azienda verso la bancarotta scrivendo la parola fine di questa storia.