Salone del Camper 2011, al via da sabato 10 settembre





Inizia sabato 10 settembre uno degli eventi più importanti dell’anno legato al mondo dei camper. Si tratta del Salone del Camper che, sino al 18 settembre, metterà in mostra il meglio del settore con argomenti che, come recita lo slogan della mostra, spazieranno dai caravan agli accessori tipici di questi particolari mezzi, senza però trascurare percorsi e mete di viaggio. Presso gli stand della Fiera di Parma si riuniranno, nel corso della prossima settimana, più di 320 espositori per una superficie totale a disposizione di oltre 45000 metri quadrati. I visitatori attesi sono circa 150.000.

La manifestazione si aprirà sabato mattina con il convegno  ”Fiere di Parma, dalla Fiera all’evento: l’approccio multipolare ed esperienziale de il Salone del Camper”, per poi dare spazio libero agli stand che presenteranno le ultime novità dell’affascinante mondo dei camper. Gli organizzatori vedono, in questa seconda edizione della manifestazione, un’occasione importantissima da non lasciarsi sfuggire per dare risalto all’intero movimento italiano ed europeo “Il Salone del Camper 2011 sarà una grande vetrina internazionale dove si potranno trovare tutte le novità della produzione italiana ed europea: design, comfort, ricerca e tecnologia ma anche benessere individuale, ecologia, consumi energetici sono gli assi portanti della manifestazione parmense che intende confermare il proprio ruolo di riferimento nel settore: costruttori, produttori di accessori, strutture e destinazioni turistiche e concessionari offriranno agli appassionati ed ai neofiti risposte concrete, con l’offerta a 360° che ruota intorno al turismo en plein air”
Tantissime le novità all’orizzonte che verranno presentate nel corso della fiera, con Fiat Professional che punterà forte sulla nuova versione rinnovata di Fiat Ducato con le nuove motorizzazioni, il nuovo look esteriore e l’interessante Traction+, sistema di controllo della trazione che farà aumentare la motricità del veicolo su terreni ad aderenza troppo bassa.