Volvo, ancora incerto il futuro della gamma di auto ibride

volvo

Il mercato dell’auto va sempre di più nella direzione che punta a favorire la crescita di nuove vetture dotate di sistema di trazione ibrido costituito da un motore termico e da un motore elettrico. Tra le tante case costruttrici impegnate sul mercato, Volvo è sicuramente in prima fila nella lotta contro le emissioni di CO2 e l’eccessivo consumo di carburante ma, nonostante ciò, la casa costruttrice svedese sembra avere alcuni dubbi, piuttosto consistenti nei confronti dell’ibrido.

Volvo, infatti, nonostante le dichiarazioni arrivate nei mesi scorsi che evidenziavano come ogni nuovo modello a partire dalla nuova generazione della Volvo XC90 avrebbe potuto contare su di una variante ibrida, sembra non avere più una grandissima fiducia nelle possibilità dell’ibrido che per alcune aziende, in primis Toyota Motors, rappresenta uno dei punti di forza dell’intera gamma.

Con il debutto della nuova generazione della Volvo XC90, uno dei modelli più attesi del futuro della casa, debutterà anche la nuova piattaforma modulare che darà origine a diversi modelli del brand.

Volvo ha fatto sapere che questa piattaforma, grazie ad un apposito spazio libero nella zona della trasmissione per le batterie, è già utilizzabile per essere la base di una vettura ibrida.

La questione su cui in casa Volvo si dovrà lavorare a questo punto è quella legata alla possibilità di presentare una variante ibrida per ogni modello in commercio o limitare il numero di modelli ibridi ad uno stretto indispensabile per poi valutare la risposta del mercato. Continuate a seguire Automobili10.it per restare in contatto con tutte le novità legate al mondo delle quattro ruote ed alle novità di casa Volvo. volvo