Albert Szent-Gyorgyi e le automobili che allungano la vita

Le automobili di prossima generazione compieranno un incredibile matrimonio con le nuove tecnologie. Matrimonio che rivoluzionerà il concetto di guida su strada: avremo Internet all’interno dei nostri abitacoli, ci saranno dispositivi mobili e tv digitali, saremo collegati con il satellite e gli schermi del parabrezza diventeranno digitali, e grazie all’infografica avremo una assistenza alla guida e alla sicurezza stradale senza precedenti.

Del resto, molti di voi si saranno accorti che in giro ci sono automobili già che si parcheggiano da sole, e una infinità di applicazioni tecnologiche che rendono interattiva e multimediale la nostra cara vecchia quattro ruote. Cose impensabili nemmeno 10 anni fa eppure, forse anche grazie all’arrivo delle auto elettriche, di sorprese ne vedremo delle belle.

Da bravo blogger allora stamane ho dato anch’io una occhiata al logo Google, quello con le arance,  i peperoncini e tutto il resto, che rende omaggio al Nobel per la medicina Albert Szent-Gyorgui, scienziato ungherese nato il 16 settembre di 118 anni fa e oggi celebrato sul web da miliardi di persone. Il suo pregio fu quello di studiare i benefici della vitamina C per l’organismo umano. Benefici che non sono caduti nel dimenticatoio e anzi si ricollegano perfettamente a quanto scritto all’inizio di questo articolo: nuove tecnologie nelle auto di prossima generazione.

E che c’entra Albert Szent-Gyorgui, direte voi? Beh, forse i più appassionati lo sapevano già, ma vi rinfresco le idee: la Nissan nel luglio 2010 diffuse un comunicato nel quale annunciava che stava lavorando ad un progetto di “salute e benessere” per gli occupanti delle sue automobili. In questo progetto rientrava l’idea di inserire nelle vetture un diffusore di vitamina C integrato al climatizzatore, con lo scopo di idratare la pelle e ripristinare la buona salute di chi è alla guida. “Vogliamo che i nostri automobilisti pensino all’automobile come a qualcosa che allunghi la vita”, dichiarava Kenichi Tanaka, ingegnere della casa giapponese. Del quale non abbiamo avuto più notizie, ma sicuramente torneremo a sentirne parlare, e non solo per la gioia di Albert Szent-Gyorgui.

admin
  • Scrittore e Blogger
Suggerisci una modifica