Alfa Romeo Giulia, qualche anticipazione per la nuova segmento D del Biscione

Il brand Alfa Romeo non sta certo attraversando uno periodi più luminosi della sua decennale storia ma, nonostante ciò, il futuro per il marchio del biscione sembra essere molto più roseo di quanto ci si poteva immaginare anche solo pochi mesi fa. Nel corso dei prossimi due anni, mese più mese meno, la scarna gamma Alfa Romeo, costituita al momento dall’ottima Giulietta e dalla MiTo, andrà ad ampliarsi.

Tra le varie innovazioni che verranno introdotte dall’azienda vi sarà la nuova berlina segmento D Alfa Romeo Giulia che andrà a prendere il posto della 159 all’interno dell’offerta dell’Alfa. Il progetto dell’Alfa Romeo Giulia rappresenta uno dei punti di forza della rinascita del brand.

Lo sviluppo dell’Alfa Romeo Giulia, che verrà costruita negli Stati Uniti, va avanti già da molto tempo. L’Alfa Romeo Giulia verrà, infatti, costruita sulla piattaforma C-Wide,  derivata direttamente da quella della Giulietta, dalla quale derivano anche altre due vetture del gruppo Fiat Chrysler, la Dodge Dart e la Fiat Viaggio.

La nuova Alfa Romeo Giulia subirà, rispetto a questi modelli, numerose modifiche che la faranno arrivare in strada con dimensioni maggiori, alla voce passo e lunghezza, e con un nuovo schema di sospensioni sia all’anteriore che al posteriore.

L’Alfa Romeo Giulia sarà, insieme alla sportiva 4C ed alla spider realizzata in collaborazione con Mazda, uno dei modelli destinati a riportare in alto l’intero brand Alfa, anche oltre oceano. Per conquistare al meglio il mercato americano, la nuova Alfa Romeo Giulia verrà proposta con la trazione anteriore e con la trazione integrale, necessaria per espandersi soprattutto all’interno degli stati americani più freddi, e con un comparto motoristico molto ricco che permetterà di scegliere tra tante soluzioni differenti sia con alimentazione benzina, dove è prevista l’introduzione di un 750 a quattro cilindri turbo a iniezione diretta con livelli di potenza di 200, 250 e 300 CV, sia, per l’Europa, a gasolio.

L’Alfa Romeo Giulia sarà uno dei modelli di punta della futura gamma del brand italiano ed il suo successo sarà una componente essenziale della strategia della casa che punta a raggiungere una quota di vetture vendute all’anno pari a 400 mila a fronte delle attuali 100 mila.

 

 

admin
  • Scrittore e Blogger
Suggerisci una modifica