Auto elettriche, la più piccola al mondo arriva dalla Cina

Matteo Vana
  • Giornalista Professionista
06/11/2023

Si chiama Wuling Mini EV Cabrio ed è, al momento, la più piccola auto elettrica a cielo aperto: ecco come è fatta e quanto costa.

Wuling Mini EV Cabrio
Wuling Mini EV Cabrio – Foto credits Wuling press

Le auto elettriche sono ormai diffuse in tutto il mondo tanto da aver acquisito una quota di mercato importante in quasi tutti i mercati mondiali. Tra le vetture alla spina, però, ce ne sono pochissime cabrio; tolte alcune eccezioni, come MINI o MG, la maggior parte delle case automobilistiche ha preferito concentrarsi su altri segmenti – SUV in primis – per le proprie auto a zero emissioni.

Una scelta che, di fatto, estromesse le auto cabrio da questa novità. Adesso, però, è arrivata una nuova concorrente dalla Cina che punta a sbaragliare il mercato offrendo la gioia di una vettura cabrio abbinata alle proporzioni decisamente da città per muoversi liberamente anche in mezzo al traffico.

Ecco l’elettrica a cielo aperto più piccola di sempre

Per ora venduta solo in Cina – ma non è da escludere che possa arrivare anche in altri mercati -, si chiama Wuling Mini EV Cabrio ed è la versione scoperta della Wuling Mini EV, auto già salita agli onori delle cronache per essere la più economica in circolazione.

Nuova Wuling Mini EV Cabrio
Nuova Wuling Mini EV Cabrio – Foto credits Wuling press

Wuling Mini EV Cabrio, infatti, sfrutta così come la sorella il concetto tutto asiatico delle Kei Cars, ossia vetture capaci di offrire spazi ridottissimi e costi molto bassi. Lunga appena 3 metri, quest’auto è venduta nel paese del Dragone all’equivalente di 12.500 euro. Un prezzo decisamente irrisorio per una vettura cabrio e comunque molto basso anche per una citycar. L’azienda, sfruttando il successo del modello “classico”, tanto da essere la terza elettrica più venduta in Cina con oltre 443 mila consegne nel 2022, ha così creato una versione a cielo aperto dotata di cerchi da 12” e interni minimalisti dove spicca il piccolo quadro strumenti, i comandi manuali del climatizzatore e un piccolo schermo dell’autoradio, mentre i pedali sono posizionati quasi al centro della vettura.

Soluzione particolare, poi, è stata scelta per l’accesso al bagagliaio. Anche a causa degli spazi ridotti, infatti, gli ingegneri hanno realizzato un baule posteriore fisso tanto che per sistemare i pochi bagagli che entrano si deve abbattere il sedile del guidatore e aprire una “tasca” da cui si accedere al vano. Una soluzione inusuale, ma dettata dalla conformazione stessa del veicolo che, per rientrare nel segmento delle Kei Cars, deve per forza sottostare a determinate misure.

Wuling Mini EV Cabrio, dal punto di vista della motorizzazione, offre invece una batteria da 26,5 kWh, che trasmette la potenza a un motore da 40 CV, quanto basta per muoverla senza particolari sforzi. L’autonomia dichiarata, infatti, è di circa 280 km, anche se a capote aperta il dato potrebbe peggiorare sensibilmente a causa della ridotta aerodinamica della vettura che va ad influire sui consumi. Ovviamente è un’auto piuttosto spartana con 65% della carrozzeria costituita da acciaio ad alta resistenza. Inoltre viene fornita di serie con due airbag, bloccaggio automatico, sistema di frenata antibloccaggio (ABS) e distribuzione elettronica della forza frenante (EBD) mentre è possibile scegliere tra tre diverse varianti di colore come blu, verde e nero abbinabili a due colorazioni per la capote, ossia nero e rosso.