Come conservare i pneumatici in cantina e garage: il metodo da conoscere

Con l’avvicinarsi del cambio di stagione, è bene conoscere il modo migliore per conservare gli pneumatici nel proprio garage o nella propria cantina. Infatti, una corretta conservazione manterrà le loro prestazioni più a lungo, ma un mantenimento errato può causare deformazioni e modifiche permanenti allo pneumatico, compromettendone la sicurezza e l’affidabilità.

Conservazione pneumatici in cantina/garage: come fare
Photo by VenV – Pixabay

Molti gommisti offrono ormai la possibilità di depositare gli pneumatici dei propri clienti, il cosiddetto servizio “tyre hotel”, ma se volete risparmiare ci sono alcuni semplici accorgimenti che potete adottare per riporre i vostri pneumatici nel garage o nella cantina.

Ecco cosa fare prima di mettere a riposo gli pneumatici

Conservazione pneumatici in cantina/garage: come fare
Photo by AndyG – Pixabay

Prima di smontare e riporre gli pneumatici nel garage/cantina, è di fondamentale importanza gonfiarli e ricordare la loro posizione in modo da poterli invertire la prossima volta che verranno installi, così da garantire un’usura uniforme su ciascun pneumatico. Segnare la posizione degli pneumatici sull’automobile. Dopo aver smontato e segnato la loro posizione, è necessario lavarli con acqua e asciugarli in maniera diligente per rimuovere eventuali residui – ad esempio i sassolini – prima del rimessaggio.

Come conservare gli pneumatici in garage o in cantina

Conservazione pneumatici in cantina/garage: come fare
Photo by Pexels – Pixabay

Gli pneumatici devono essere conservati lontano da fonti dirette di luce, calore e ozono (come tubi e trasformatori). L’esposizione prolungata a questi elementi può ossidare e danneggiare la gomma. Garage, scantinati e capannoni sono ottimi posti per conservare gli pneumatici.

E’ molto utile anche essere equipaggiati di borse apposite per le ruote. La superficie su cui vengono sistemati gli pneumatici deve essere pulita e priva di residui di olio, benzina e altri contaminanti. Nel momento in cui le gomme sono montate sui cerchi, è necessario evitare di immagazzinarli in posizione verticale, così da evitare deformazioni della spalla, Il battistrada infatti non deve stare a contatto con la pavimentazione. Per fare tutto alla perfezione, bisogna usare un supporto o un cartone così da separare le gomme.

Se non si possiede lo spazio, si può valutare di appenderle. In questo caso però non si deve dimenticare di attaccare ganci o cavi ai raggi del cerchio. Se le gomme non hanno i cerchi, potete anche riporli in posizione verticale, ma è necessario ruotarli almeno una volta al mese. La cosa fondamentale è quella di non appenderle in questo caso. Piuttosto è possibile impilarle (solo fino a 8 pezzi) nel momento in cui non si ha spazio.

In sintesi:

  • Se gli pneumatici sono montati su cerchi, è preferibile conservarli gonfiati, in posizione verticale su scaffalature. Quelli con cerchio possono essere impilati anche orizzontalmente, ma in questo caso l’altezza delle pile deve essere contenuta e fissa.
  • Gli pneumatici devono essere conservati al chiuso, in un luogo fresco, asciutto e ventilato. Quando sono all’aperto, devono essere coperti con un’adeguata protezione contro l’acqua e l’umidità.
  • La temperatura di conservazione dovrebbe essere inferiore ai 25/35  gradi. Temperature molto basse non hanno controindicazioni specifiche, ma possono irrigidire gli pneumatici. È importante però ricordare che se fa troppo freddo, le gomme riposte non devono deformarsi durante la movimentazione. Se invece quest’ultime le si devono assemblare dopo essere state conservate per lungo tempo ad una temperatura molto bassa, si consiglia di tenerle prima a circa 20 gradi per qualche ora.