Formula 1 2011 Gp di Singapore: le reazioni in casa Ferrari

La Ferrari è tornata da Singapore con un bilancio più amaro che dolce.  Il quarto posto di Fernando Alonso, che peraltro ha significato matematica certezza di non poter più conquistare il titolo ormai nelle mani di Vettel, lascia qualche rimpianto per un podio mancato per pochi secondi.  Decisivo per il pilota spagnolo è stato l’ingresso della safety car che gli ha fatto perdere circa sei secondi accumulati nei confronti di Webber anche se forse non ce l’avrebbe fatta lo stesso a tener dietro l’australiano.  Fernando però guarda già avanti. “Speravamo di fare meglio qui – ha dichiarato – ma ho grande fiducia nel lavoro che stiamo facendo. Eravamo convinti di poter fare un salto di qualità dopo la pausa estiva ma non è stato così mentre i nostri avversari hanno fatto ancora un passo in avanti. Ciò non significa che non potremo continuare a lottare nelle prossime gare: sarà dura ma sento nella squadra una gran voglia di riscatto e di dimostrare il nostro valore.Sono proprio questa voglia di lavorare e di vincere che nella primavera scorsa mi hanno convinto ad allungare il mio rapporto con la Ferrari almeno fino a tutto il 2016”.

Altra gara opaca per Felipe Massa, giunto nono al traguardo e infuriato con Hamilton per il contatto nelle prime fasi di gara.  “Ancora una volta Hamilton ha dimostrato di non saper proprio usare la testa. Anche in qualifica ha rischiato di fare un incidente e nonostante le penalità e i richiami Lewis non vuol proprio fermarsi a riflettere”. Al di là dell’incidente però, ci si aspettava senz’altro qualcosa in più dal brasiliano.  Ci si augura che le cose vadano meglio nel prossimo appuntamento di Suzuka, dove si correrà  il Gp del Giappone.

 

admin
  • Scrittore e Blogger
Suggerisci una modifica