Formula 1 2012 Pirelli pronta alla sfida del Bahrain

Tra mille polemiche e più di qualche dubbio da parte degli addetti ai lavori,  il Circus della Formula 1 è pronto ad approdare in Bahrain per il quarto appuntamento del Mondiale.

Si tratta di una bella sfida per la Pirelli, perché si va in uno dei tre circuiti  di quest’anno sui quali le gomme italiane non hanno ancora corso, anche se va ricordato che a Sakhir l’azienda italiana effettuò delle sessioni di test prima del suo ritorno nella massima categoria sportiva per le monoposto.  Da notare che la pista tornerà al suo originario disegno di 5,412 chilometri, dopo che nell’ultima gara svoltasi nel 2010 si era scelto di utilizzare una diversa configurazione con più curve e una maggior lunghezza.

La scelta degli pneumatici è identica a quella del Gp della Cina: P Zero White medium e P Zero Yellow soft.  Paul Hembery, responsabile Pirelli motorsport, sa però che le alte temperatura e il grip estremamente variabile sottoporranno le due mescole ad una prova probabilmente più impegnativa delle precedenti, portandole davvero al limite.

“Durante i passati test – ha spiegato – abbiamo raccolto alcuni dati sulla pista, ma da allora tanto le gomme quanto le macchine sono cambiate: sarà, dunque, un po’ come ripartire da zero. Tuttavia, ci aspettiamo un elevato degrado che sicuramente metterà i Team alla prova per quanto riguarda le strategie. Inoltre, poiché il circuito non è stato utilizzato così spesso, prevediamo una costante evoluzione delle condizioni del tracciato nel corso del weekend”. Senza dimenticare anche la variabile della presenza della sabbia in pista.

 

 

admin
  • Scrittore e Blogger
Suggerisci una modifica